Lettera aperta del CRIPAE - FIERI A VITA per il Nostro Contributo .

Lettera aperta del CRIPAE per Eutelia Nel dubbio VotateVi sempre!!! Partiamo dal problema sociale più sentito in questi giorni nostri. La crisi economica che deriva dalla crisi Finanziaria e di Capitali che si riversa poi sui numeri dell’occupazione. Ma qui in Eutelia la situazione è diversa Il Capitale c’è, è Italiano ed è stato messo soprattutto con i Risparmi dei Piccoli Azionisti per più di 2⁄3 ed è stato Patrimonializzato in Azienda Eutelia. Abbiamo letto su alcune relazioni che in questi anni abbiamo investito 600mln€. Lo abbiamo fatto con i nostri risparmi nulla a che vedere con finanza creativa, siamo un azionariato popolare italiano. La nostra iniziativa imprenditoriale e quindi il nostro Capitale rappresenta un baluardo per la tutela dei Vostri posti di lavoro il Nostro Comitato riunisce i Piccoli Azionisti che da sempre hanno creduto e sono fieri di aver investito per infrastrutturare il nostro paese nell Asset fondamentale per crescita e sviluppo: La banda larga, la Rete in fibra ottica di Eutelia. Fin dal primo momento abbiamo capito che la tutela del Vostro lavoro e quindi del Nostro Investimento passa attraverso lo sfruttamento dell'Asset strategico della Rete in fibra ottica di Eutelia. Insomma non abbiamo scoperto nulla, Chi ha studiato un pò di economia conosce bene quali siano i Fattori della Produzione: la TERRA , il LAVORO ed il CAPITALE nelle proporzioni di Vostro gradimento. Speriamo che con Terra crescano migliori frutti. Purtroppo questi ultimi anni abbiamo vissuto parecchie disavventure che hanno evidenziato tutte le possibili negatività di questa azienda ma un elemento sono convinto sia stato di esperienza positiva : la Formazione del Gruppo, quella professionale rimane indiscutibile. Solo chi lavora in evidente stato di difficoltà porta con se un'esperienza sicuramente pesante ma che deve essere un bagaglio di conoscenze da cui attingere per il futuro. Come un marinaio che va per mare, solo quando si trova nei momenti pericolosi capisce l’importanza di avere uno scafo robusto e quale sia il bene prezioso che si possa perdere, qui sicuramente tutti i componenti hanno percepito il valore dello stare insieme e di remare per la stessa via. Quindi sicuramente finora i fattori Capitale&Lavoro non sono mancati , oggi speriamo di imbarcarre con Noi Imprenditori già del settore che vogliano aiutarci a condurre insieme questa Nave Eutelia, Tutta insieme senza scialuppe di salvataggio privilegiate. Son convinto che sapranno farlo al meglio, utilizzando le risorse umane di Chi ha costruito Eutelia in questi anni, perchè parlano la stessa lingua ed hanno stessi valori culturali e umani, famiglia ed impresa. I primi ad investire su di Noi dobbiamo essere sempre Noi stessi, i veri protagonisti del Nostro futuro, non Ci si può tradire. Nel dubbio VotateVi!!! Auguriamo a tutti Noi un futuro sostenibile di sviluppo e crescita. Torneremo nelle posizioni che Eutelia merita. Grazie Il Cripae P.s. sono graditissimi i commenti e riflessioni questo spazio va inteso anche come un contributo per i dipendenti Eutelia di tutte le sedi affinche possano responsabilizzarsi in un momento particolare

lunedì 1 febbraio 2010

Il ruolo del Papa è quello di essere preoccupato per la disoccupazione, non quello di dire quali sono le persone che devono mantenere il posto

IL PAPA CHIEDE AIUTI PER LA FIAT E PER ALCOA. SI TRATTA DI INGERENZA NELLA POLITICA ECONOMICA DI UN PAESE?

Francamente il Papa dovrebbe rispondere a due domande:

1) perchè si deve salvare la Fiat utilizzando soldi pubblici, se poi la Fiat paga un dividendo 6 volte piu' alto di quello di un bot ai suoi azionisti (per non parlare delle azioni di privilegio e risparmio).

2) Alcoa, per salvare gli occupati Alcoa lo stato permette alla azienda americana di avere un forte sconto sul costo dell'energia elettrica. Mi domando se tutte le imprese in Italia possano godere degli stessi vantaggi. Perchè l'Alcoa e non centinaia di piccole e medie imprese che stanno chiudendo? Ma Alcoa farà profitti e i profitti verranno rimpatriati in USA. Migliaia di imprenditori chiuderanno lasciando a casa centinaia di migliaia di persone...ma l'Alcoa si, loro no.

Lo sapete che gli incentivi per le auto dirottano i risparmi verso un prodotto invece che un altro, e che per salvare i compagni di merende azionisti Fiat centinaia di migliaia di persone perdono il lavoro?

MI DOMANDO PERCHE' IL PAPA INGERISCE NELLE DECISIONI DI POLITICA ECONOMICA APPLAUDENDO QUELLA CHE INVECE E' UNA GRANDE INGIUSTIZIA SOCIALE.

Il ruolo del Papa è quello di essere preoccupato per la disoccupazione, non quello di dire quali sono le persone che devono mantenere il posto (e visto che la coperta è corta, quali sono quelle che si possono licenziare).
Pubblicato da mercatolibero a lunedì, febbraio 01, 2010 46 commenti